//rome.ro

//rome.ro

Il 5 Maggio 1992 usci su Internet il primo capitolo (gratis) di un gioco che avrebbe cambiato il mondo dei videogiochi negli anni avvernire, ovvero Wolfenstein 3D, il primo gioco di grande successo che utilizzava una grafica 3D (anche se in realtà non era veramente tridimensionale ma utilizzava deve degli intelligenti accorgimenti per simularlo).Realizzato dalla allora nascente IDSoftware, frutto della mente di due ragazzi (che avrebbero fatto soldi a palate di li a poco con altri grandi successi) Jonh Carmack e John Romero.

Infatti il loro successivo gioco, Doom ebbe un successo planetario proiettando la IDSoftware nell’olimpo delle software di videogiochi. Doom 2, (forse il capolavoro fra i giochi del duo) ne consacrò il successo e preparò la strada alla serie Quake. Nel 2005 è uscito il terzo capitolo di Doom (successivamente alla diaspora dei due leader della IDSoftware) ma alla una grafica tanto rivoluzionaria quanto limitata agli ambienti chiusi, si contrappone un coinvolgimento ben lontano dai suoi precessori, forse perchè priva di quella novità che avevano presentato i primi Doom. Al di là di questo rimane il mito del nome, che ha ispirato tutta la generazione dei giochi successivi e anche un cartone e un film.

I miei giudizi:

Wolfenstein 3D          bellissimo
Doom                        bellissimo
Doom 2                    capolavoro
Hexen                       ‘nsomma
Quake                       bellissimo
Quake 2                    bello
Quake 3 Arena          bellissimo
Doom 3                    ‘nsomma

 

John Romero ha partecipato allo sviluppo di altri progetti che non hanno riscosso grande successo (es. Daikatana), in attesa che ritrovi l’ispirazione come i vecchi tempi, merita, ogni tanto, un’occhiata al suo sito (uno dei tanti) //rome.ro.

Tags:
Nessun commento

Sorry, the comment form is closed at this time.